Ladri d’immagini e di parole

I ladri d’immagini e di parole sono persone che sfruttano la visibilità altrui, per far si di essere notati

 


Primo caso, proprio di oggi giovedì 13 aprile anno 2017:
parliamo di Instagram e di come le persone per avere like alla propria pagina scopiazzano in modo spudorato le creazione non proprie

Informazioni sulla proprietà intellettuale

Instagram si impegna ad aiutare le persone e le organizzazioni a proteggere i loro diritti di proprietà intellettuale. Le Condizioni d’uso di Instagram non consentono di pubblicare contenuti che non rispettano i diritti di proprietà intellettuale di un’altra persona, compresi quelli su copyright e marchi commerciali.

Copyright

Il copyright è un diritto legale che protegge le opere dell’ingegno originali (ad es. libri, musica, film, opere d’arte).

In genere, il copyright protegge le modalità di espressione originali, come le parole o le immagini. Non protegge fatti e idee, ma può proteggere parole o immagini originali utilizzate per descrivere un’idea. Inoltre, il copyright non protegge elementi quali nomi, titoli e slogan, che potrebbero però essere protetti da un altro diritto legale definito marchio commerciale.

Questa tizia oggi, dopo averle palesemente fatto notare che stava COPIANDO le immagini di Virginia Azzurra Di Giorgio, per gli amici Virgola, ha avuto il coraggio di rispondere che erano opere di sua fantasia, non copiate e  “non è bello che si metta in dubbio il suo operato ………”
Ora al di là di pensare mentalmente infinite parolacce, come puoi pensare di non essere “individuabile” e per di più non mostri la firma di Virgola ed inserisci la tua ©, e ti firmi Laura?

Virgola ed il plagio, non lo so ci si dovrebbe fare un autentico manuale su chi copia chi e per cosa?

Ognuno ha il suo stile, la sua traccia indelebile che si riconosce, ovunque, adoro chi è in grado di distinguersi con un segno distintivo in mezzo al marasma di Internet, ma è mai possibile, che chi lo faccia così palesemente non posso essere perseguito?

Interpellando subito Virginia, si è dimostrata al solito, convinta che basta non ci sia lucro e magari anche con un solo scambio di battute ci si possa chiarire, ma quando dall’altro lato ti ritrovi frasi assurde è davvero triste!

Ma l’apoteosi di oggi riguarda il re della salama da sugo, sua maestà Rudy Bandiera!

il tutto nasce da una disquisizione di Rudy con relativa disamina sul caso “Uber” … Chi lo COPIA?
Rudy Bandiera, copiato da Cecchi Paone ……… non dal primo pirla che passa, no no da uno che si reputa giornalista e che NON CONDIVIDE, ma ruba e fa sue parole di altri!

Caro Alessandro Cecchi Paone, tu forse nemmeno sai chi sia Rudy, ( e qui hai lacune decisamente enormi) ma sei andato ad incappare in colui che ha tatuato il motto condividi et impera sul braccio destro ………

Non un bradipo copiatore, un signore, che si è fatto strada “nell’internet” con idee proprie, non fatiscenti o scopiazzate da chicchessia!

Un signore che ha presentato il #TEDxRoma

Nella mia “carriera” ho parlato alla Camera dei Deputati, al Senato della Repubblica di fianco a Gasparri e Brunetta, ho fatto uno speech al Teatro dal Verme a Milano davanti a 1700 persone e ho parlato allo stadio Olimpico, insieme a Cannavacciuolo di fronte alla tribuna Monte Mario davanti a 3000 anime, ma una emozione simile al #TEDxRoma non l’ho mai provata. Mai. Perché?
Perché hai davanti 4000 occhi, 2000 persone con 3 lauree che parlano 4 lingue e che pensano, quando esci dalle quinte “dai, stupiscimi”.

Se vuoi saperne di più leggi qui.

Ora se è vero che solo nella giornata odierna, immagini e parole (scritte) sono state rubate, come possiamo garantirci una unicità, se non ci si sforza di avere un proprio pensiero, un proprio tratto distintivo?

Ciò non vuole dire che non si possa essere partecipi delle stesse idee, ma un conto è condividere il pensiero stesso, non di certo COPIARLO




11 pensieri su “Ladri d’immagini e di parole

  1. Ti seguo sempre con piacere Hai ragione ! Invece di sforzarsi di trovare la propria unicità la gente copia . Pensare e creare qualcosa di proprio non dovrebbe essere troppo difficile

    1. ciao Mariacarla, e il seguirsi è reciproco 😛
      Considero davvero inutile continuare a fare copia incolla, uno perchè vuol dire non avere contenuti credibili, due perchè sarai sempre la brutta copia di qualcun’altro!
      Un conto è citare le fonti, un conto è fare lo gnorri ….
      Ma certe abitudini sono dure a morire!

    1. Diciamo che assomigliano a chi copiava a scuola….. per ottenere bei voti!
      Qui oltre ad uno 0 in condotta, vieni messo alla gogna pubblica!
      Grazie per l’attenzione Sara!

  2. Sono d’accordo! Come hai detto tu si tratterebbe di condividere non di copiare…anche perché che soddisfazione puoi trarne ad avere successo grazie a qualcosa che non viene da te??? Io mi sentirei malissimo… prima di iniziare a scrivere il mio blog, per me il mondo del web era sconosciuto e giuro che non pensavo fosse una giungla piena di pericoli e invece …

    1. lupi che attaccano alla giugulare, invidie e sotterfugi, un pochino come a scuola che dovevi fare la barriera coi libri per non farti copiare, tristissima sta cosa, ma reale… ma chi ha idee proprie eccelle e prima o poi ha le soddisfazioni che merita!

  3. Tralasciando Cecchi Paone, che è incommentabile, i numeri ci hanno dato talmente tanto alla testa che ormai non è più importante distinguersi. Basta avere quel pollice in su e la felicità è assicurata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *